mirko smerdel

Collage di cartoline scompongono e ricompongono l’immagine popolare della cittÓ, rivelano quei processi che portano alla creazione di un immaginario comune sedimentato nella coscienza collettiva delle persone. Con la creazione di paesaggi utopici, spazi possibili e non reali, i collage sono una successiva interpretazione delle possibilitÓ proprie di questo tipo di immaginazione.

SPAZI INTERSTIZIALI: paesaggi ibridi e Morphing, architetture mutanti e persone mutanti.
NARRAZIONE: creare una connessione tra passato e futuro, nuove mitologie private, MICRO-STORIE e le loro relazioni col potere politico o sociale.
AMBIGUITA' nella percezione del reale: la promessa di presentare storie straordinarie attraverso modi di vedere comuni e privati.
MEMORIA E ARCHIVIO: non soltanto rappresentare, ma lavorare su un terreno discorsivo, una conoscenza alternativa e una contro-memoria, un'archeologia e una geografia mentale della vita contemporanea.

"Dal momento che la materia prima del documento Ŕ retorica, il praticante deve evolvere costantemente una retorica della retorica per far funzionare i documenti. Ci˛ richiede una maggiore immaginazione e una sorveglianza sulla relazione tra l'esterioritÓ di un documento e la soggettivitÓ implicita nell'atto di leggerlo in un modo differente dalla norma."
(Raqs Media Collective, da “First Information Report” 2003)

La mostra da CHAN: Down by the sea. MythMaking Landscapes.
Scarica la biografia di Mirko Smerdel (file .pdf)
Il sito di Mirko Smerdel

landscape036 = Utopic Memory Landscapes - collage di fotografie
trovate cm 28 x 32 landscape040 = Utopic Memory Landscapes - collage di cartoline trovate
cm 14,5 x 15,7 portrait 010 = Utopic Memory Portraits - collage di fotografie trovate
cm 15 x 16 still14 = Angel Hair - video footage di fotografie trovate, 4' 27''