CHAN | ARTE - Contemporary Art Association

ARTISTI
HOME > MOSTRE

archivio | future

dal 12/03 al 10/04/2009
Anja Puntari.
Pippi, Annika e Linda.


Nel lavoro esposto in occasione dell’apertura di CHAN – in parte inedito – fotografie, un breve video e un’installazione sonora concorrono a creare un allestimento che ruota attorno al tema della paura nella societÓ attuale. Le immagini e il video si ispirano alla serie televisiva Pippi Calzelunghe, girata alla fine degli anni ’60 in Svezia.
Le protagoniste, bambine scapestrate che sfidano le regole di comportamento della societÓ dell’epoca, possono essere considerate anticipatrici delle successive rivendicazioni femministe. Le innocue inquadrature anni ’60 di Pippi e dell’amica del cuore Annika, rielaborate attraverso la cancellazione dello sfondo, creano nello spettatore di oggi un forte senso di disagio perchÚ percepite come al limite della pedofilia.
Tale processo affronta la “deformazione” del nostro sguardo, esplicita come la paura della pedofilia trasformi i bambini e le loro immagini in “soggetti proibiti”, rendendo evidente il cortocircuito perverso che porta da un lato ad una profonda autocensura, dall’altro all’esibizione continua del privato attraverso i mass media.
L’ambigua relazione tra vittima e sfruttatore Ŕ analizzata nel lavoro audio Pippi e Linda con Hamlet (2009) in cui Pippi Calzelunghe e Linda Lovelace intrecciano un dialogo surreale con l’audio degli omicidi di Hamlet Goes to Business di Aki Kaurismńki del 1984. L’opera scaturisce dalla ricerca sulla nascita dell’industria pornografica nella societÓ occidentale, soffermandosi in particolare sulla figura della pornostar Linda Lovelace, (protagonista del film icona Gola Profonda, 1972). Qualche anno dopo l’attrice, che incarna un’immagine controversa di libertÓ, si schiererÓ con le femministe dichiarandosi vittima di uno sfruttamento brutale.
Il tema di fondo, la paura, diventa lo spunto per condurre un’indagine sull’ambiguitÓ di immagini, violenza e controllo sociale. Due teorici, Aria Spinelli e Beniamino Foschini, sono stati invitati a riflettere con un proprio testo indipendente sul tema della mostra, che diventa cosý un discorso a tre voci in cui ciascuno partecipa attraverso il proprio linguaggio.

[contrai]

Scarica il comunicato stampa (file .pdf)
Scarica il catalogo (file .pdf)

Le opere in mostra:
Pippi 19, C-print, 2008-2009 Pippi 20, C-print, 2008-2009 Pippi22, C-print, 2008-2009 Pippi34, C-print, 2008-2009 Pippi56, C-print, 2008-2009 Pippi60, C-print, 2008-2009 Pippi61, C-print, 2008-2009 Pippi64, C-print, 2008-2009